Chi non ricorda la scena di Sabrina, in cui Audrey Hepburn torna da un soggiorno a Parigi trasformata in una raffinatissima donna da quel maschiaccio che era? Qualcosa di simile è accaduto a Jennifer Scott, giovane californiana che, dopo qualche mese di studio nella capitale francese, ospite di una raffinatissima famiglia, torna in patria impregnata di savoir vivre. Parigi si conferma ancora la dimostrazione che un bene astratto come la felicità è composto di piccole cose concrete: buone maniere, buon cibo, buon vino, cura di sé, buoni libri. Che la qualità della nostra vita la decidiamo ogni giorno quando ci alziamo dal letto e scegliamo se limitarci a esistere o se vivere con passione. Sembrano pillole di filosofia, invece è lo stile di vita parigino. Come Jennifer ha imparato da Madame Chic, la padrona di casa quintessenza di eleganza, e come ci trasmette nel suo libro, coltivare lo charme significa presentarsi sempre ordinate per onorare se stesse prima ancora che gli altri, usare il meglio che si ha tutti i giorni e non tenerlo per chissà quando, concedersi piccoli sfizi di qualità a ogni pasto invece di ingurgitare pessimo cibo a tutte le ore. Semplificare guardaroba, accessori, make up per essere sempre impeccabili senza spendere follie. E riempire ogni giornata con qualcosa di bello, musica, letture, arte, parole e idee nuove, che hanno sul fascino lo stesso effetto di una crema prodigiosa. Trovo Le lezioni di Madame Chic un libro delizioso e indispensabile per conquistare o perfezionare quel certo non so che. Da leggere e consigliare con nonchalance.